impresa-pulizie-milano

Come provvedere alla pulizia di termosifoni e condizionatori in maniera mirata ed efficace

Il .

Resta un mistero perché mai si attenda puntualmente di provvedere alla manutenzione ed alla pulizia dei nostri termosifoni solo al momento di doverli accendere.

Per raggiungere il massimo dell’efficienza durante l’inverno tutti condizionatori, e, più in generale, tutti i sistemi di riscaldamento, andrebbero revisionati e ripuliti per bene almeno due volte all’anno, ossia in autunno ed in primavera, quindi prima e dopo l’uso massivo che se ne fa in inverno.

La manutenzione, in questi momenti dell’anno, assicura, infatti, un flusso di calore omogeneo ad ogni stanza della casa. In merito alla pulizia, poi, ci sarebbe tanto da dire.

Se partiamo dal presupposto che anche i più meticolosi trascurano di provvedere alla corretta pulizia dei sistemi di riscaldamento ben ci si rende conto quanta polvere possano essi accumulare al loro interno. Scopriamo nel dettaglio i danni che questo accumulo di polvere può cagionare.

 

1. Diffusione di allergeni da presenza di polveri negli impianti

La pulizia dei radiatori, ai fini della tutela della nostra salute, non si rivela importante, ma molto di più. Essa è, a dir poco, fondamentale: emettendo calore il radiatore può infatti liberare la polvere accumulata e la stessa regola vale per la vaschetta dell’acqua calda ivi contenuta, che, se impolverata, può veicolare microbi e batteri di ogni sorta, anche molto pericolosi.

Se questo vale in generale, è facile immaginare come vitale sia apprestare una buona pulizia degli impianti di riscaldamento in presenza di individui sensibili alle polveri, quali i bambini, ad esempio, o soggetti asmatici e/o allergici.

2. Danni alla salute per batteri nei filtri dei condizionatori

Sempre più sotto accusa, negli ultimi tempi, sono i filtri dei condizionatori.

Il monito degli esperti risuona a gran voce: provvediamo in maniera regolare alla pulizia di questi impianti.

Queste sottili “griglie” hanno precise finalità protettive e, affinché operino correttamente a nostro vantaggio, è però previsto che siano adeguatamente e costantemente sostituite, ciò per evitare che le impurità man mano ivi raccolte vengano “restituite” all'ambiente, per il tramite del getto d'aria. 

Il rischio in cui ciascuno di noi potrebbe incorrere - per fortuna ciò ha luogo solo in casi più isolati - è quello di divenire vittime dei batteri più temibili, come quelli che causano la Legionella.

3. Cattivo funzionamento dell’impianto di riscaldamento

E’ evidente come accumuli di polvere depositati negli impianti, se non rimossi con una buona ed approfondita opera di pulizia, possano interferire con il loro corretto funzionamento.

La conseguenza è che gli impianti non sono in grado di offrire, quindi, le loro performance ideali.

Strati di polveri costipati in piccole fessure e ivi lasciati indisturbati possono divenire, con il tempo, veri e propri elementi ostruttivi.

Ammettiamolo: sono davvero pochi tra noi coloro che si dedicano, come dovrebbero, alla pulizia di riscaldamenti e condizionatori, ma le ragioni sono, a volte, che valide, visto che i radiatori presentano veri e propri interstizi difficili da raggiungere con ogni possibile strumento domestico.

Nel caso dei condizionatori, poi, è altamente consigliabile affidarsi a personale specializzato e competente, che sappia operare in maniera diligente.

Con questi strumenti non è dato improvvisare.